Prossima PartitaSegafredo Virtus Bologna vs FC Barcelona/9 Feb 2023iten

LBF, 17^giornata | Virtus Segafredo Bologna vs Famila Wuber Schio: 94 – 80

Bologna, 21 gennaio –

 

Virtus Segafredo Bologna vs Famila Wuber Schio: 94 – 80
(1Q 21 – 19; 2Q 52 – 36; 3Q 71 – 56)

Virtus Segafredo Bologna: Del Pero, Pasa 2, Rupert 25, Barberis 1, Dojkic 21, Andrè 11, Zandalasini 23, Orsili ne, Laksa 11, Cinili.
All: Ticchi 

Famila Wuber Schio: Mabrey 30, Bestagno 5, Sottana 10, Verona 6, Howard 7, Crippa 3, Keys 14, Penna, Zahui, Ndour 5.
All: Dikaioluakos

 

Diciassettesima giornata di campionato LBF che trova nel Saturday night il suo apice con la sfida Virtus Segafredo contro Famila Schio.
Primo pallone controllato da Schio che però non trova il primo canestro: ad inaugurare il match è invece Zandalasini, a cui risponde subito Ndour sul ribaltamento di fronte. I minuti scorrono in sostanziale parità con le due squadre a rispondersi colpo su colpo: è Schio a trovare il primo gap, complici diverse conclusioni della Segafredo molto sfortunate sputate dal ferro. Le venete infatti si avvantaggiano grazie alla scarsa vena realizzativa da tre della Segafredo che vanta un 1/6 dalla lunga distanza: la tripla di Rupert però inverte il flusso del gioco a favore della Segafredo che trova in poche azioni il pareggio proprio con la tripla di Dojkic e di nuovo di Rupert. Con il canestro di Andrè, la Segafredo chiude avanti il primo quarto sul 21-19 dopo un avvio non al massimo. Il secondo parziale vede sempre la Virtus attaccare con maggior decisione il ferro, ma Schio non resta a guardare e pareggia i conti a quota 23: la tripla di Zandalasini vale però il nuovo vantaggio Segafredo. Vantaggio che dura comunque poco perchè Crippa punisce dall’angolo una difesa bianconera in ritardo e pareggia nuovamente il conto dei canestri. Nuovo allungo di Schio che con due triple di fila riesce a trovare un breve spiraglio di fuga, subito però ammorbidito dalla Segafredo che rimane incollata a -2. La tripla di Rupert costringe Schio al time out sul 33-32 a metà secondo parziale. La difesa bianconera stringe ulteriormente le maglie e costringe le venete a prendere brutti tiri e le percentuali delle oranges si sporcano. Momento positivo per la Virtus che tenta il prim oallungo con la penetrazione di Dojkic con fallo e canestro, per il 44-35. Negli ultimi minuti di gioco la Virtus prende il sopravvento: Schio sbaglia tanto in attacco, perde 2 palloni di seguito e in difesa concede troppo spazio, fino a raggiungere il 52-36 su cui si chiude il primo tempo.
Dopo il rientro dagli spogliatoi, è Schio la squadra che mette per prima la marcia alta nel tentativo di recuperare il prima possibile i canestri di distanza: la Segafredo impatta comunque bene continuando a giocare con ordine senza farsi prendere dalla fretta e dalla frenesia. In questo parziale riesce a trovare continuità anche Laksa, marcata in modo ferreo da Schio, che riesce a contribuire alla causa segnando canestri importanti. Le venete possono fare affidamento quasi solo su Mabrey vera mattatrice oranges con 23 punti alla fine del parziale. Grazie ad una ottima gestione del tempo e delle scelte prese, la Virtus chiude avanti anche il terzo parziale con il punteggio di 71-56. Ultimo parziale di gestione e controllo per la Segafredo che parte con il piede giusto, attaccando il canestro e mettendo in difficoltà Schio con penetrazioni e giropalla. La stanchezza inizia a farsi sentire da ambo le parti, ma è Schio ad avere più lucidità per ricucire una parte del distacco e riportarsi a -8 con ancora 6′ minuti sul cronometro. Nel momento forse più complicato per l’attacco Segafredo, Laksa trova una tripla importantissima che vale l’84-73, costringendo Schio al time out: al rientro dal minuto di sospensione è ancora la giocatrice lettone a colpire da oltre l’arco con l’ennesima tripla di serata. Si arriva alle battute conclusive, la Virtus Segafredo non si fa più prendere e davanti a 2200 virtussini conquista la vittoria nel big match di serata.