iten

LBA, QF Gara-1 | Virtus Segafredo Bologna vs Carpegna Prosciutto Pesaro 82-76

Bologna, 15 maggio –

 

Virtus Segafredo Bologna vs Carpegna Prosciutto Pesaro 82-76
(Q1 24-22; Q2 45 – 36; Q3 62 – 54)

Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 7, Cordinier 11, Mannion 1, Belinelli 14, Pajola, Alibegovic 2, Hervey, Jaiteh 12, Shengelia 12, Hackett 4, Sampson 4, Weems 11. 
Coach: Scariolo

Carpegna Prosciutto Pesaro: Mejeris 2, Moretti 11, Tambone 11, Lamb 6, Camara ne Zanotti 8, Sandford 21, Demetrio 1, Delfino 3, Jones 12.
Coach: Banchi

ARBITRI: LANZARINI S. – LO GUZZO C. – PERCIAVALLE A.

 

Difendere il titolo conquistato lo scorso 11 giugno, è con questo spirito che i Campioni d’Italia in carica della Virtus Segafredo Bologna iniziano oggi i loro playoff Scudetto affrontando la Carpegna Pesaro tra le mura amiche della Segafredo Arena.  Primi 5′ minuti che vedono la squadra di Coach Scariolo imporre energia e fisicità, Jaiteh e Shegelia lottano sotto le plance, Weems segna dall’arco e la difesa virtussina non lascia tempo di ragionare a Delfino e compagni (15-9), Pesaro risponde riportandosi a -1 ma il giocatore georgiano e Belinelli trovano le triple del nuovo +7 (21-14). Fine di primo quarto che viene messo nuovamente in disccusione dalla squadra marchigiana che piazza il break chiudendo dopo 10′ di gioco in svantaggio con il punteggio di 24 a 22. Secondo quarto equilibrato dove entrambe le squadre non riesconono a prendere il largo, Belinelli porta a +6 i suoi compagni ma Sanford dalla lunetta fa 2/3 e Tambone trova la conclusione dall’arco che riporta a contatto i suoi compagni (33-32) a meno di 5′ dall’intervallo lungo,sorpasso pesarese firmato ancora una volta da Sandford ma Tessitori riporta la Virtus in avanti appoggiando prima da due e poi trovando la tripla del +4 (38-34). La Segafredo piazza la strappata sul finire del primo tempo e proprio Belinelli, a pochi decimi dalla seconda sirena, mette il canestro del momentaneo +9, 45 a 36 dopo i primi 20′ di gioco. Inizio di secondo tempo che vede Pesaro reagire provando con Moretti e Sandford a recuperare lo svantaggio, la squadra di Coach Banchi ritorna a -2 e la panchina virtussina ferma il gioco sul puteggio di 53 a 51; Shengelia è costretto a lasciare il parquet di gioco per infortunio dopo 5′ dalla ripresa del gioco. Fase convulsa della gara complicata anche da qualche decisione non chiara della terna arbitrale che non trova assolutamente d’accordo il pubblico virtussino presente alla Segafredo Arena, Jaiteh, Belinelli e Sampson piazzano il break del 7 a 0 che vale il nuovo +9 e costringe la panchina ospite a chiamre il time out a 1′ e 14′ dalla fine (60-51). Delfino mette i primi punti della sua gara sul finire del terzo quarto ma è ancora una volta il capitano a trovare due punti impossibili proprio sul suono della terza sirena, punteggio di 62 a 54. Ultimo quarto che si apre con la tripla di Hackett, ma gli animi in campo si scaldano e viene fischiato un anitisportivo per parte (Sampson e Jones), controbreak di Pesaro che vale il -3 prima che Sampson possa segnare dalla media interrompendo la controffensiva, partita molto tesa ma Jaiteh e Weems, mettono tutti d’accordo schiacciando entrambi il +6 a 5′ dalla fine (71-65). Cordinier chiude il gioco da tre, Alibegovic riceve da Pajola e sotto le plance non sbaglia, la Carpegna prova a riportarsi a soli due possessi da Belinelli e compagni ma Sandford rimette tutto in discussione segnando la tripla del -3 a 1′ abbondante dal termine (78 – 75). Jaiteh segna, Lamb fa 1/2 mentre Pajola dalla lunetta è freddo e preciso (2/2), la Virtus Segafredo conquista così Gara-1 vincendo con il punteggio di 82 – 76.