iten

LBA, 17^ giornata | Il focus sui nostri avversari

Bologna, 21 gennaio –

 

Il doloroso sgomento di chi, tra Italia ed Europa, ne ha vinte 2 delle ultime 9, con la qualificazione alle Final Eight in grembo a mille rinvii e quarantene, racchiude in una sola icona il mood attuale della Happy Casa. Scivolata in basso, poi risalita, in un campionato che negli ultimi anni non le si è mai negato, sta pagando soprattutto in difesa, dove subisce 81,9 punti. È calato il buon attacco iniziale, sceso dall’85,3 delle prime 9 giornate al 75,5 delle ultime 6, non è invece mancata la protezione dell’area che soprattutto Nick Perkins garantisce (6,5 rimbalzi), fino al defilarsi più grazie al suo impeto individuale (17,9 punti) che da una forte coralità. Brindisi ama l’arco, 28 tentativi a gara col 37%, grazie anche al 41,9% di Jeremy Chappell. Mattia Udom si è proposto con efficacia in fase difensiva, i mezzi per arrivare ci sono, in una torta divisa in tante fette, tagliata su esperienza del gruppo e fattore campo. La squadra di Vitucci resta tuttavia oggi le meno sondabili: capitan Alessandro Zanelli, distrazione del legamento collaterale del ginocchio, leva alla causa il secondo assistman, il rientro di Nathan Adrian ridona invece il secondo marcatore. Nel gruppo è da poco tornato anche Lucio Redivo, out un mese per la lussazione alla spalla e protagonista assieme a Nick Perkins nel recente successo su Napoli.