Prossima PartitaSegafredo Virtus Bologna vs Banco di Sardegna Sassari/5 Dic 2021/Virtus Segafredo Arenaiten

LBF, Terza Giornata | Virtus Segafredo Bologna-La Magnolia Molisana Campobasso 61-70

Bologna, 16 ottobre –

 

Virtus Segafredo Bologna-La Magnolia Campobasso 61-70
(20-18, 16-18, 9-16, 16-18)

VIRTUS: Hines-Allen 16, Laterza, Dojkic 12, Battisodo 2, Zandalasini 21, Pasa, Tassinari, Ciavarella, Tava, Migani, Barberis 10. Coach Lardo

CAMPOBASSO: Premasunac 6, Trimboli 6, Quinonez, Nicolodi 3, Parks 27, Togliani 8, Trozzola, Chagas 9, Gray 11, Amatori, Egwoh. Coach Sabatelli

 

La Virtus Segafredo Bologna, dopo le prime due vittorie in campionato, torna in campo per l’esordio casalingo contro la Magnolia Campobasso.

Inizio equilibrato, con Hines-Allen da una parte e Parks dall’altra subito sugli scudi. Campobasso prova a scappare ma la Virtus con la difesa trova linfa nella metà campo offensiva e chiude avanti il primo periodo 20-18. Nel secondo quarto le bianconere subiscono la fisicità delle avversarie sotto canestro: Premasunac e Parks fanno la voce grossa in area, portando avanti Campobasso. Zandalasini prova a trascinare la squadra, Dojkic penetra per il pareggio e impatta a quota 36, con le squadre che vanno negli spogliatoi. Nel terzo quarto Campobasso rientra meglio in campo: subito 7-0 di parziale, che costringe coach Lardo a chiamare timeout. La Segafredo non riesce a sbloccassi in attacco e Parks dall’arco continua a fare male alle bianconere. Barberis prova a scuotere la V nera, rubando palla e correndo in contropiede per il -10, dopo che la squadra ospite aveva raggiunto anche il +12. Zandalasini da tre punti e Dojkic in penetrazione chiudono il terzo periodo sul 45-52. Nell’ultimo periodo la solita Zandalasini prova con un 5-0 di parziale e riportare sotto la Segafredo, ma Campobasso risponde colpo su colpo: prima Gray appoggia al vetro il nuovo +10, poi Parks ancora dall’arco fa la voce grossa. Dall’altra parte la penetrazione di Battisodo dà inizio alla rimonta bianconera ma la Magnolia non si perde d’animo e continua ad avere fiducia in attacco. L’ennesima tripla di Parks allo scadere dei 24 secondi a 3′ dal termine trova il fondo della retina: la Virtus non riesce più a reagire e alla fine i due punti vanno alla squadra ospite. Finisce 61-70.