iten

LBA, FINALE PLAYOFF GARA-2 | LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Bologna, 08 giugno –

 

Una Virtus granitica bissa l’impresa di gara 1 e si prende meritatamente anche il 2­-0 al Forum. Comanda sempre la Segafredo che impone la sua legge contro un’Armani che non trova chiavi di lettura per pareggiare la fisicità e l’energia bianconera.

La difesa della Segafredo è ancora una volta decisiva e tiene l’Olimpia al 33% su azione e 11/30 da tre.

Le parole di Djordjevic a fine gara: “Una gara cercata, giocata per vincere. O giochi, o giochi per vincere. Siamo stati concentrati, decisi, abbiamo dimostrata tanta personalità.
Abbiamo chiuso la partita in maniera giusta, leggendo bene alcune cose. Ci aspettavamo una partita fisica e che Milano reagisse, e lo sforzo del primo tempo, chiuso solo a -1, ci ha dato forza. Ora memoria corta e cerchiamo di migliorare ancora. Cerchiamo di recuperare energie e di fare un’altra bella gara a Bologna. La parola chiave è recupero, non solo fisico.
Pressione? E’ una finale, giochiamo e ci alleniamo per questo. Serve solo recupero fisico e mentale, per concentrarci di nuovo cercando di migliorare. Noi dobbiamo migliorare.
I cambi difesa/attacco? I finali nei playoff partono dall’energia, e dalla possibilità di sopportare questo sforzo energico. Stiamo bene, cerchiamo la vittoria con tutte le nostre forze.
E’ una convinzione che viene dall’anno scorso? Sì. Abbiamo chiuso il campionato scorso da primi, e c’era il sentimento che qualcosa ci fosse stato tolto ingiustamente. L’anno scorso è un’altra cosa, ma questi primi playoff che ci stiamo godendo tutti insieme è un premio per tutti, giocatori, tifosi, società e proprietà.”

Le parole di Stefan Markovic a fine partita, ai microfoni di Eurosport: “Ci aspettavamo una battaglia, soprattutto dopo gara 1. Abbiamo risposto bene di intensità ed energia. Dobbiamo continuare a combattere ogni quarto, ogni partita. Non abbiamo ancora fatto nulla. Non dobbiamo pensare al 2-0, dobbiamo pensare di essere 0-0.”

Così Alessandro Pajola ai microfoni Rai: Dopo un inizio difficile ho aspettato che la partita venisse da me. Complimenti a tutti, ma ancora non abbiamo fatto niente. Continuiamo a stare sul piano partita, sulle nostre cose, e sulle caratteristiche individuali dei nostri avversari, così possiamo vincere. E’ stata una stagione difficile, alti e bassi. Ora dobbiamo raccogliere i frutti del lavoro di tutto l’anno, ce lo meritiamo.”