iten

LBA, 10^ giornata | Virtus Segafredo Bologna vs Banco di Sardegna Sassari 102-100

Bologna, 05 dicembre –

 

Virtus Segafredo Bologna vs Banco di Sardegna Sassari 102-100
(Q1 27-27; Q2 46-48; Q3 71-69)

Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 8, Belinelli 16, Pajola 7, Alibegovic 11, Hervey, Ruzzier 6, Jaiteh 15, Alexander, Ceron, Weems 19, Teodosic 15, Cordinier 5.
Coach: Scariolo

Banco di Sardegna Sassari: Logan 17, Kruslin 16, Gandini, Devecchi 4, Treier, Chessa 9, Burnell 2, Bendzius 25, Mekowulu 6, Gentile, Diop, Robinson 21.
Coach: Bucchi

Arbitri: Paternicò, Brindisi, Gonella.

 

Decima giornata di campionato alla Virtus Segafredo Arena, ospite  la Banco di Sardegna Sassari di coach Bucchi. Pronti via e Kevin Hervey è costretto a lasciare il campo per infortunio, al suo posto entra Amar Alibegovic, Weems e Teodosic guidano gli attacchi virtussini mentre i sardi trovano in Bendzius il loro terminale offensivo. Primo quarto molto contratto, dalla lunetta la Virtus si riporta a -2 (13-15) quando mancano 4′ alla prima sirena, Teodosic trova il passaggio vincente per Jaiteh che segna, sempre il lungo francese fa 2/2 dalla lunetta ma Chessa trova la tripla del nuovo +4 (17-21), di nuovo Jaiteh e Weems da tre punti riportano Bologna in vantaggio (22-21). Si entra nell’ultimo minuto, Sassari rimette la testa di nuovo in avanti, tra sorpassi e controsorpassi il primo periodo di gioco termina con il punteggio di 27 a 27 grazie alla tripla di Belinelli. Tessitori inganna con una grande finta i due diretti marcatori e segna su assist del capitano, si prende il fallo in attacco e il pubblico virtussino si scalda, buon inizio di secondo quarto; Belinelli allunga il vantaggio dalla lunetta ma Sassari non molla, rimane attaccata ai bianconeri riportandosi a -2 (31-29). Il copione non cambia, nessuna delle squadre riesce ad imporsi sull’altra, la gara non ha un vero padrone e a meno di 6′ dall’intervallo lungo la Virtus conduce con il punteggio di 35 a 34; Segafredo che si accende, Teodosic trova l’assist numero 400 in maglia Virtus, Weems e Jaiteh piazzano il break che porta Bologna sul +4, ma Sassari è viva e con Krusline Robinson la gara trova nuovamente la parità (41-41) a 3′ dalla fine. Il Banco prova chiudere il primo tempo in vantaggio, le squadre costruiscono i loro punti dalla lunetta, gli arbitri spezzano spesso il gioco e il pubblico rumoreggia. Tripla di Chessa, tripla di Cordinier e il secondo quarto si chiude con il punteggio di 46 a 48 per gli ospiti. Si riprende a giocare con la squadra di Bucchi che prova a piazzare il primo solco, ma Weems, lanciato da Teodosic, riporta a -5 le V Nere (55-60); Sassari segna, Jaiteh risponde presente, Pajola appoggia al ferro e lo svantaggio si accorcia a sole tre lunghezze, quando mancano 3′ e 30” alla terza sirena, la panchina sarda chiama il time out, 59 a 62 Banco. Tripla di Logan, penetrazione di Cordinier che va a segno, Bendzius trova altri punti a cui rispondono i tre punti di Belinelli, poco dopo è sempre il capitano a presentarsi in lunetta e fare 2/3, -3 Segafredo a poco più di un minuto dalla fine del terzo periodo di gioco. Alibegovic mette la tripla che vale il momentaneo pareggio, ma è proprio l’ultima azione che manda in visibilio il pubblico della Segafredo Arena, Teodosic dalla rimessa trova Belinelli che mette i tre punti del sorpasso bianconero, sirena e punteggio di 71 a 69 Virtus. Ruzzier ruba la palla, gira a Tedosic che trova il ferro ma Weems mette il tap-in vincente, risposta da tre di Bendzius, ultimo quarto di gioco che inizia in maniera scoppiettante. Schiacciata di Jaiteh chetrova la risposta di Logan che accorcia riportando a -1 gli ospiti (75-74). Partita tesa e vibrante, entrambe le squadre vogliono i due punti, Ruzzier e Tessitori riportano la V avanti ma Mekowulu riporta a -2 Sassari a 4′ e 34′ dalla fine. Quinto fallo per Kruslin che è costretto ad abbondare il campo da gioco, Belinelli fa 2/2 dalla lunetta e Bucchi chiama il time out, Virtus avanti 83 a 79. Penetrazione di Ruzzier che va a buon fine, ma la gara non è ancora finita e Bendzius accorcia di nuovo le distanze dalla lunetta, ci pensa Jaiteh che inganna tutti e apoggia a canestro, fallo e gioco da tre che si chiude. Il finale è intenso, con errori da una parte e dall’altra: la V non riesce a dare la spallata decisiva, Sassari impatta a quota 89. La tripla di Teodosic, sull’ultima azione bianconera, non va a buon fine ed è overtime. Nei 5′ aggiuntivi il copione della gara non cambia, con la Segafredo che prova a scappare sul +4 grazie a Teodosic ma Sassari che torna sotto. Belinelli dalla lunetta non sbaglia, Bendzius e Devecchi si e i bianconeri restano avanti nel punteggio. Gli errori non diminuiscono però e Sassari ha per due volte il tiro del pareggio e della vittoria, che non va. Finale al cardiopalma, vince la Virtus 102-100.