Prossima PartitaSegafredo Virtus Bologna vs Acqua S. Bernardo Cantù/27 Set 2020/Virtus Segafredo Arena

Intercontinental Cup 2020, Virtus Segafredo Bologna – San Lorenzo de Almagro: 75 – 57

Tenerife, 7 febbraio –

Virtus Segafredo Bologna – San Lorenzo de Almagro: 75 – 57

(Q1 23 – 10/ Q2 31 – 27/ Q3 52 – 42)

Virtus Segafredo Bologna: Gaines 3, Marble 9, Pajola 4, Baldi Rossi 5, Markovic 9, Ricci 10, Delia 2, Cournooh, Weems 9, Hunter 16, Nikolic, Gamble 8.
Coach: Djordjevic

San Lorenzo de Almagro: Caffaro 1, Tucker 16, Williams, Marta 4, Aguirre, Gonzalez 10, Fjllerup 8, Vildoza 10, Batista 4, Pineiro 3, Geramipoor 1.
Coach: Garcia

Arbitri: Vazquez, Kallio, Kozlovskis

 

Il primo tempo. Al Pavillon Santiago Martin va in scena questa prima e storica semifinale della Coppa Intercontinentale. Più di 200 i tifosi accorsi nella splendida isola di Tenerife per seguire questa importante Final Four. Markovic, Marble, Weems, Ricci e Gamble è il quintetto di partenza schierato da Coach Djordjevic. E’ del San Lorenzo il primo canestro della partita, Weems risponde pochi istanti dopo, mentre Tucker segna la prima tripla della gara. Ricci riporta il risultato in parità e, grazie alla seconda tripla di fila, costruisce il primo vantaggio bianconero, 8 a 5. Weems concretizza il gioco da 3 punti e Marble segna il canestro del +9, time out chiesto da San Lorenzo. Al rientro in campo la squadra argentina accorcia con Tucker, ma la Virtus riprende a segnare, mentre in difesa si conferma quasi perfetta. Entrano in campo Gaines, Baldi Rossi ed Hunter, Pajola e Hunter allungano il vantaggio bianconero (+13) quando mancano 2’ alla prima sirena. Azione ben manovrata dalle V nere, ultimo passaggio per Baldi Rossi che penetra in area e appoggia al ferro l’ultimo canestro del primo quarto. Sirena e risultato di 23 a 10 per la Virtus Segafredo Bologna. Il secondo quarto si apre con un’altra azione ben manovrata dalle V nere, canestro di Hunter su assist di Baldi Rossi, la squadra di Coach Garcia risponde a sua volta trovando altri due punti. Bologna conduce ma San Lorenzo tenta di riaprire la partita sfruttando soprattutto i tiri da tre punti. Weems appoggia al vetro il canestro del +10 al 17’ minuto di gioco, ma Tucker concretizza il gioco da tre punti, Pineiro mette la seconda tripla e Coach Djordjevic chiama il time out sul 27 a 26 Virtus. Gamble va in lunetta e fa 2/2 e si riparte con ultimo possesso di questo primo tempo, Markovic segna il canestro del 31 a 27 Virtus. Sirena e squadre che rientrano negli spogliatoi.
Il secondo tempo. Seconda frazione di gioco che si apre con il canestro di Weems e la penetrazione nel pitturato di Markovic. Gamble lavora bene sotto le plance segnando altri due punti, mentre il numero 9 della Virtus chiude il break di 8 – 1 della Segafredo. Ottimo avvio di terzo quarto per la squadra di Coach Djordjevic, risultato di 39 a 28 per i bianconeri. L’ Alley oop di Markovic per Hunter allunga il vantaggio della Virtus, Batista fa 2/2 ai liberi, e Hunter semina la difesa argentina, penetrando nel pitturato e appoggiando la palla a canestro, +13 Segafredo al 26’ minuto di gioco. Ricci si porta in lunetta e fa bottino pieno. Entra Gaines e mette a segno subito i primi punti della sua gara, allungando ulteriormente il vantaggio. Prima Gaines e poi Hunter sfruttano i liberi a disposizione, 50 a 36 Bologna quando mancano 2’ e 30’’ alla fine del terzo quarto. Ricci vince il rimbalzo in attacco e, tra una selva di mani, riesce a metter la palla del + 15. Gli argentini provano a ritornare in partita complice qualche decisione arbitrale che non trova d’accordo la panchina bianconera, si portano sul – 10. Sirena e terzo quarto che va in archivio sul punteggio di 52 a 42 Segafredo. Ultimo quarto che si apre con Baldi Rossi e Marble che trovano due triple consecutive; la V nera gestisce il vantaggio, attacca, segna e mantiene a distanza gli avversari: 67 a 50 per i bianconeri, quando mancano 4’ alla fine della prima semifinale. La partita è finita, e la Virtus scollina oltre il +20. Finale tranquillo, entrano Delia e Nikolic. Sirena, la Virtus con una grande prova di forza si aggiudica il primo posto nella finale della Coppa Intercontinentale.