Prossima PartitaSegafredo Virtus Bologna vs Carpegna Prosciutto Pesaro/17 Mag 2022iten

Il focus sulle nostre avversarie

Bologna, 10 dicembre –

 

Il parquet di Broni per dare continuità a quella serie di risultati positivi venuti con i due punti nel derby contro Faenza e la rotonda vittoria contro Lucca. Il tutto per restare in scia ad una Schio che in questo momento in campionato appare decisamente troppa cosa per le contender: consolidare quindi il secondo posto in campionato allontanando altre pretendenti, confidando in un passo falso di Venezia, scomoda compagna di banco in seconda posizione. Per questo motivo Broni può essere un test importante anche, e soprattutto, per testare la tenuta fisica della squadra.

Le pavesi, 3-6 sin qui, viaggiano con una media di 62,3 punti realizzati (la palma di 4 peggior attacco in campionato) hanno avuto pesanti aiuti dal mercato per inserire a roster un elemento capace di segnare qualcosa di più dei 58 punti a partita nelle prime 4 giornate: in aiuto a coach Castelli sono arrivate dal mercato giocatrici giovani ma con punti nelle mani come Krivacevic (13 punti e 8 assist di media ad ora in campioanto) e Masic (8 punti e 4,5 assist a partita sin qui) per rimettere in carreggiata una stagione partita non nel migliore dei modi dal punto di vista realizzativo e dei risultati. Cabina di regia tutta italiana con Galbiati e Bestagno sempre pronte ad intercambiarsi contribuendo anche in modo sostanzioso al bottino di punti realizzati. Sotto le plance invece si parla croato, con Masic, Dedic e Krivacevic a parlare la stessa lingua non tanto per la provenienza geografica ma per l’alchimia con cui sono capaci di trovarsi sul campo. Krivacevic inoltre può vantare una stazza considerevole con i suoi 196 centimetri, nonostante non giochi troppo vicina a canestro per una della sua altezza, che ne fanno una rimbalzista eccezionale rendendo così vivace ed allettante lo scontro con Brianna Turner, con l’americana desiderosa di mantenere il secondo posto nella classifica come rimbalzista migliore nella propria metà campo.
Broni, Sesto San Giovanni e Costa Masnaga, sotto l’albero, per una Virtus quasi obbligata al bottino pieno per preparare al meglio lo scontro diretto contro Schio, il 2 gennaio, che promette scintille.