Prossima PartitaTelenet Giants Antwerp vs Segafredo Virtus Bologna/28 Ott 2020

Alessandro Abbio protagonista ad Overtime Festival

Bologna, 15 ottobre –

 

Alessandro Abbio è stato protagonista ad “Overtime Festival, Il festival per chi allena il corpo e la mente”. Il responsabile tecnico del settore giovanile di Virtus Pallacanestro Bologna è stato invitato come ospite illustre e personaggio di spicco della kermesse marchigiana.

 

 

«È stata un’edizione da ricordare per i tanti ospiti arrivati a Macerata e perché abbiamo fatto rivivere la piazza, con un allestimento meraviglioso – ha dichiarato il sindaco Sandro Parcaroli -. Sono state cinque giornate interessanti con contenuti e temi rilevanti. Il Comune sarà sempre presente per Overtime». «È il festival che più di ogni altro legge lo sport come fenomenologia della vita e lo racconta attraverso i protagonisti e i giornalisti – ha aggiunto l’assessore allo sport, turismo ed eventi Riccardo Sacchi -. Overtime rende più ricco il palinsesto della nostra città e sarà una delle manifestazioni di punta di questa amministrazione comunale».

Overtime Festival ha ospitato sette prestigiose anteprime nazionali e tanti protagonisti, tra cui Federico Buffa, Antonio Cabrini, Pif, Pierluigi Pardo, Cristiano Militello, Filippo Roma, Urs Althaus – l’Aristoteles de L’allenatore nel Pallone – Marco Ardemagni, Filippo Solibello, Omar Pedrini, Alberto Cova e Nevio Scala

 

 

«Per noi è stata una edizione record – ha concluso Michele Spagnuolo, direttore artistico del Festival – che testimonia l’affetto che c’è per la manifestazione e che ha visto un allestimento molto importante in piazza. Tanti contenuti, tanti spunti che ci danno la spinta in quello che facciamo, nella vita, nello sport, nella cultura. Un ringraziamento a chi ha creduto e crede in questo progetto, ma in primis allo sport: grazie all’Amministrazione comunale, all’Università, alla Regione e a tutte le aziende private che ci hanno sostenuto e hanno permesso di mantenere tutti gli eventi gratuiti, a conferma che lo sport deve essere popolare».