Virtus Segafredo inarrestabile, Recanati si arrende subito

19/03/2017

SEGAFREDO BOLOGNA 98
US BASKET RECANATI 63
(24-16; 49-26; 75-44)

SEGAFREDO BOLOGNA

#0 SPISSU - 13 (1/1, 3/4, 2/2)
#3 UMEH - 15 (4/5, 1/4, 4/4)
#6 PAJOLA - NE
#7 SPIZZICHINI - 7 (1/4, 1/3, 2/2)
#11 PETROVIC - 0 (0/1, 0/1, 0/0)
#13 NDOJA - 9 (1/3, 2/7, 1/2)
#14 ROSSELLI - 0 (0/0, 0/1, 0/0)
#15 MICHELORI - 8 (2/6, 0/0, 4/7)
#19 OXILIA - 8 (3/5, 0/2, 2/2)
#24 PENNA - 16 (3/7, 2/4, 4/4)
#25 LAWSON - 10 (1/5, 1/3, 5/6)
#87 BRUTTINI - 12 (5/7, 0/1, 2/2)

ALL. RAMAGLI

T2 (21/44, 48%) T3 (10/30, 33%) TL (26/31, 84%)
RIMB 50 (29dif-21off) AST (15) PP (8) PR (13) VAL (125)

US BASKET RECANATI

#0 RUSH - 12 (6/14, 0/1, 0/0)
#3 BADER - 10 (0/3, 2/6, 4/4)
#6 RAPONI - NE
#7 MARINI - 2 (1/3, 0/0, 0/0)
#8 PIERINI - 0 (0/2, 0/2, 0/0)
#10 ARMENTO - NE
#11 LOSCHI - 9 (2/2, 1/3, 2/4)
#13 BOLPIN - 0 (0/1, 0/0, 0/2)
#15 SORRENTINO - 2 (1/3, 0/2, 0/0)
#19 INFANTE - 12 (6/8, 0/0, 0/0)
#21 MASPERO - 3 (1/1, 0/4, 1/1)
#34 SPIZZICHINI - 13 (3/6, 1/1, 4/4)

ALL. SACCO

T2 (20/43, 47%) T3 (4/19, 21%) TL (11/15, 73%)
RIMB 34 (24dif-10off) AST (12) PP (17) PR (5) VAL (50)

di Massimiliano De Panfilis

Vince e convince la Segafredo Bologna contro il fanalino di coda Recanati, in una partita comandata dal primo minuto e sempre gestita al meglio. Grazie alla contestuale sconfitta di Treviso a Ravenna, le VuNere riconquistano il primato in solitaria. Coach Ramagli ha potuto apprezzare l'umiltà che sperava di vedere, in un incontro che poteva presentare insidie mentali, pensare che fosse un match giá vinto in partenza per la differenza di classifica, ma i ragazzi in campo hanno rispettato l'impegno al 100%. Non molto da dire sull'aspetto tecnico del match, utile solo per provare meccanismi e avere risposte sullo stato fisico del team. É stato un match in cui Penna ha dato modo di far vedere il suo talento (24 di valutazione per lui) ma bravi tutti: bella prova di Bruttini sotto le plance e Oxilia, ottimi Ndoja Spizzichini e Michelori, giornata in ufficio per gli americani e Spissu, turno di riposo non ufficiale per Rosselli. Prossimi due turni in trasferta, a Trieste e Forlì, che saranno banchi di prova molto più probanti.

1' QUARTO - Lawson fa spellare le mani ai presenti per una schiacciata di grande potenza due liberi e una imperiosa stoppata, Bruttini aggiunge un bel canestro cercato con determinazione e altri due liberi lanciando la Segafredo subito al comando delle operazioni. Recanati non molla e complice l'intensità non ai massimi livelli resta a contatto, ci pensano Umeh e Bruttini a ristabilire la distanza di sicurezza (13-7 al 5'). Rush sbaglia un canestro già fatto ma si rifà con uno molto più complesso, Penna si fa stoppare attaccando il ferro ma si vendica con una tripla e un layup su palla recuperata che costringe i marchigiani a fermare il gioco con un minuto di sospensione. Il match stenta a decollare e la zona messa in campo da Recanati ferma i meccanismi degli uomini di Ramagli che trovano successo con Michelori e Umeh, servito da Penna che aveva appena rubato palla davanti alla panchina avversaria.

2' QUARTO - L'inizio di frazione é caratterizzato dall'entrata dei FBV, in sciopero del tifo nel primo parziale e dalla frammentazione del gioco a causa dei falli che portano a diversi giri in lunetta per le due compagini. La difesa Segafredo sale di giri e Ndoja é l'uomo che sblocca la Virtus dal campo con 5 punti istantanei, Oxilia é un diavolo a rimbalzo e nel gioco sporco, meritandosi 2 punti di puro sacrificio e finalizzando dalla lunetta l'ennesima palla recuperata dei bianconeri, che si involano facilmente sul +20 (37-17 al 13'). Ndoja gabba la palla a Rush che lo ferma con un antisportivo, le VuNere soffrono un po' a trovare la via del canestro ma amministrano il vantaggio a cuor leggero e appena torna un minimo di fluidità negli schemi offensivi, é evidente la differenza di caratura tra i due team. Si iscrive al match anche Spissu con la frecciata mancina dall'arco e la sensazione, visto il gap mostrato sul parquet, é che il secondo tempo sia un lungo allenamento per i futuri impegni.

3' QUARTO - La Segafredo piazza subito un altro pugno da ko: Spizzichini ruba palla e si fa tutto il campo per un facile appoggio, Bruttini é il primo ad arrivare in doppia cifra personale con un bel gioco spalle a canestro, Spissu infila la tripla con tranquillità per il +30, break che viene interrotto da Rush. Lawson brucia la retina da 3 e viene beffato dal ferro su quella immediatamente successiva, Umeh e Spissu controllano i ritmi agevolmente e il match si conferma come giá archiviato con ampio margine di anticipo (67-36 al 26'). Recanati non si oppone più e Umeh trova un bel jumper dalla media, é fisiologico anche il calo di attenzione e aggressività della difesa bianconera, ma da parte dello staff si cerca sempre il meglio (esperienza di Michelori e Ndoja per non perdere sostanza) e le rotazioni sono mirate a cercare di dare minuti ai giovani che devono guadagnarsi ad ogni azione la pagnotta.

4' QUARTO - Ndoja appoggia al vetro sul recupero di Penna che si diverte e fa divertire, un assist dietro la schiena in contropiede non viene concretizzato da Spizzichini, ma la tripla che lo porta a 10 punti personali fa esplodere il palazzo (82-46 al 33'). La gara va avanti solo per fissare il punteggi per gli archivi, i due allenatori danno spazio alle seconde linee e i minuti finali servono solo a celebrare uno a uno tutti i paladini che hanno trionfato in Coppa Italia, con l'ovazione piú sentita per Alessandro Ramagli, condottiero di questa truppa che tante soddisfazioni sta regalando ai tifosi con la VuNera nel cuore.

Rubrica: